Diario

Heather Parisi

Paziente tortura ....

Posted 10 Settembre 2015

 

Cina

Ho viaggiato in Cina per tutti gli ultimi 10 anni e vivo a Hong Kong oramai da 5 anni ... (anche se sembro ripetermi, incredibile, ma vero, capita ancora chi mi chiede "Dove vivi?").

Raggiungere i posti più sperduti in macchina, in aereo o in treno, non è mai stato un problema.

Almeno fino a poco tempo fa ....

Ora, quello che potrebbe apparire il viaggio più semplice, ossia volare su Pechino o su Shanghai, è diventato un incubo. Le mie parole non potranno mai descrivere la frustrazione e l'incertezza che due voli così brevi (in fondo si tratta di poco più di due ore) mi hanno arrecato questa estate.

Chiunque viva da queste parti sa perfettamente di cosa sto parlando.

La mia fortuna è che i miei gemelli, Elizabeth e Dylan, hanno cominciato a volare dall'età di soli due mesi e sono irreprensibili di fronte a qualsiasi imprevisto ..... Ovunque sia andata, ho solo ricevuto complimenti per la loro straordinaria capacità di rimanere in "silenzio e praticamente invisibili".

Nel loro zainetto da viaggio hanno tutto quello che per loro è indispensabile: il Samsung Note con i loro film preferiti (tra tutti, Mamma Mia e The Secret Garden) e un'infinità di snack preparati da me per soddisfare ogni esigenza di gola .....

Sono totalmente indipendenti e interagiscono da soli con il personale di bordo senza disdegnare di stringere amicizia con chi si trova a loro portata di sguardo .....

Il volo per Pechino è durato complessivamente 10 ore di cui solo due di volo effettivo. Il resto del tempo è trascorso sulla pista di Hong Kong in attesa del decollo e nell'aerea di parcheggio di un aeroporto vicino a Pechino, aspettando che la congestione di traffico aereo nella capitale finisse.

Ma non si tratta di un'eccezione !!! Questa è la regola di ogni giorno. Sarà il meteo, sarà lo spazio aereo gestito dai militari o la smisurata crescita del numero dei voli, sarà il tutto insieme, ma a me appare come un unico interminabile incubo.

Tre settimane dopo il volo per Shanghai si è rivelato, se possibilie, ancor più frustrante.

Cinque ore di ritardo alla partenza da Hong Kong e ben due ore di attesa sulla pista di Shanghai prima di trovare uno slot libero per il disimbarco.  Totale 9 ore, again !!! Siamo arrivati in all'albergo alle 4 del mattino .....

Ma con mia grande meraviglia, in tutto questo disservizio, non ho sentito levarsi una sola voce di protesta  ......  Probabilmente è stata solo fortuna.

Una settimana fa a Hanzhou i passeggeri, frustrati per le infinite ore di attesa all'interno dell' aereo, all' annuncio della cancellazione del volo si sono rifiutati di scendere e vi sono rimasti per altre 6 ore !!!! Come dire, masochismo puro !!!!   

 

HP

1 comments

10 Settembre 2015 07:46

E dire che in Italia si pensava di essere i primi nei disservizi, ritardi, disorganizzazione, e chi più ne ha più ne metta. E non vuol essere certo una consolazione... Tutto il mondo è paese, quindi, ed è accertato felicemente e non. L'importante è essere in pace con se stessi, ovunque si sia scelto di vivere o dove le circostanze della vita ci hanno portato. E tutto il resto diventa superabile. Sii serena. Sempre.

Post a comments

Login or Register to leave a comment.