Libri

Heather Parisi

Ci siete?!?

Posted 16 Dicembre 2009

Da un attento sguardo (proprio come nella foto!), ho notato che i post sui libri… sono i meno “frequentati” del blog: why?!? Semplice disinteresse o pura pigrizia? Non è che siamo veramente diventati tutti “reality tv- dipendenti”?!? Sono convinta di no...
Giuro, io davvero non potrei vivere senza libri. Per me leggere è quasi un’esigenza, un toccasana infallibile per l’anima, oltre che la migliore ginnastica in assoluto per la mente.
Ho appena finito “The Uncommon Reader” di Alan Bennett, il titolo italiano è “La Sovrana Lettrice”. Un libricino di 95 pagine in tutto, divertente e profondo. Che soprattutto, ti fa capire quanto sia importante leggere. La storia è semplice ed ha per protagonista una lettrice speciale:la Regina Elisabetta II. Bennett immagina che Sua Maestà improvvisamente e per puro caso, s’innamori di quegli strani oggetti chiamati libri, appassionandosi alla lettura e rivoluzionando di conseguenza tutte le sue abitudini. Tra la totale incredulità e il disappunto della Corte. Un racconto decisamente originale e davvero molto interessante. Che alla fine ti fa riflettere su come la lettura possa realmente cambiare e migliorare una persona, dal più umile degli umili fino... alla Regina Elisabetta II!
Ed effettivamente è così. Anche mia figlia Rebecca, a volte, si chiede a cosa serva studiare latino e greco. A cosa serve?!? A imparare a ragionare, ad aprire la mente, a riflettere sulle cose, ad imparare la lingua italiana, a conoscere, analizzare e pensare con la propria testa, ad arrivare dove altri, senza questi strumenti, non possono arrivare… ecco a cosa serve!!!

11 comments

kiara 17 Dicembre 2009 05:55

HEATHER AUGURIIIIIII 2 GEMELLI WOWWWWW.UN BACIONEEE

kiara 17 Dicembre 2009 06:20

povera Rebecca...come la capisco ...pure io odiavo il latino....
grazie del consiglio, 95 pagine le leggo in un volo.
Io ho iniziato i canti di Natale di Dickens, son al secondo spirito di A Christmas Carol...conosco la storia da anni ma non ho mai letto l'originale...

kiara 17 Dicembre 2009 07:50

Leggere e' fondamentale...ma oggi lo fanno in pochi.
io ho sempre amato leggere. Un libro della mia adolescenza " Quando Hitler rubo' il coniglio rosa" ...sono ancora affezionato ai protagonisti. Leggendo ero nel loro dramma e forse ho imparato a immedesimarmi nel cosa vuol dire vedersi portar via..il coniglio rosa.
Ora ho letto " il male oscuro" il dramma di un uomo che vede la sua vita distrutta dall'ansia. Un vero male, sopratutto oggi. Il libro e' scritto senza punteggiature, tutto d'un fiato . Una tecnica che risulta essere efficace per capire lo stao d'animo di fondo del protagonista.

kiara 17 Dicembre 2009 18:01

hai propio ragione,leggere è veramente fondamentale...è conoscenza .....è imparare......è riflettere....e tante altre cose!!!!!io purtroppo ho pochissimo tempo,però appena sono libero un buon libro è sempre con mè!!!!!!!!!!!!!!buona giornata carissima a prestooo

kiara 17 Dicembre 2009 19:38

Hai ragione!!! Io ho poco tempo, leggevo di più quand'ero studente, devo trovare il tempo comunque anche adesso, leggere apre la mente e aricchisce il nostro linguaggio oltre che far volare con le ali della fantasia!

kiara 17 Dicembre 2009 20:47

La prima volta che ho visto il cartone de La Bella e La Bestia, quando la Bestia ha regalato a Belle un'INTERA BIBLIOTECA, io mi sono innamorata pazzamente di lui.

kiara 18 Dicembre 2009 04:29

Ciaoo Heather personalmente adoroooo leggere m appassiona tanto le biografie,storie vissute,salute,bellezza ,cucina a tant'altrooo un'abbraccio e un smack alle tue splendide Angels

kiara 18 Dicembre 2009 08:46

Ciao Heather, ma sei veramente tu?
E offri i tuoi pensieri al pubblico così?
Incredibile!
Da piccolo eri il mio mito.
Ciao!

Ivano

kiara 21 Dicembre 2009 23:40

quanto hai ragione!
la conocenza è ciò che ci rende veramente liberi!

kiara 02 Gennaio 2010 07:40

ciao heather sono pienamente d'accordo con te. E poi io sono un insegnante (insegno inglese in un liceo classico) e quindi non potrei pensarla diversamente. Quello che tu dici a Rebecca è esattamente quanto sostiene mia moglie che insegna latino e greco e spero tanto che i messaggi che lanciamo quotidianamente ai nostri giovani allievi arrivino a giusta destinazione. Da parte mia i libri e i dischi sono sempre stati gli amici più fedeli e più fidati e sono contento di aver trasmesso questa passione a mio figlio. a presto tuo grandissimo ammiratore riccardo.

berenietzsche 02 Maggio 2015 13:58

Concordo in pieno! Da scrittrice...dico LEGGETE...sempre, sapendo scegliere. E' la scelta a far la differenza.

Post a comments

Login or Register to leave a comment.