Home > Diary

Proud to be ....

  • March 16th, 2017
  • heather
  • 13 Comments
Proud to be ....
Photo by Claudio Porcarelli

Dear Heather,

I don't understand your annoyance towards Italy, as if only wickedness is a priority in this country. I don't agree with your accusations towards racism, it isn't correct for you to condemn a country this ferociously.

Here in the North there are optimal examples of integration, many people are doing their utmost to help, not just to blend in, but helping them with health care, at times even gratis. In my little town, there is an association that helps single parents (young women), mostly foreigners, with a professional team of Doctors offering their support, free of charge, Italian teachers (gratis, as well) and I could go on and on. 

I feel a lot bitterness and hatred within your public interventions towards this country, as if China or America or any other, are good life paradises.

Often I agree with you, but to say ... a veil of sorrow for whomever reads this. I ask myself: are there the same repressed grudges if you observe facts or read unjust laws in othercountries around the world? 

Fiore

 

Dearest Fiore, 

I am sorry that you confuse my criticism of "comparisons of situations", that leave me deeply concerned, with bitter wickedness. 

Italy is an extraordinary country, but Italians are too Italian-centric and too intolerant towards criticism. 

In the Anglo-Saxon world (USA,UK, Australia) National Pride has nothing to do with intollerance towards who criticizes you, but on the contrary, by a steady civil and cultural commitment. 

In the United States, nobody is ever scandalized if someone famous criticizes their own nation. How many do......

And, they do it in a direct way, not as it happens in Italy, with petty distinction that serve only to not bother the "system". 

No one, from the American public, would ever accuse one of these public figures of turning their back or "biting the hand that feeds them", just to give you an idea of what I am accused of, quite often. 

Take a peek at what happened when Hollywood took sides defending Black Rights against abusive police, defending immigrants and homosexuals

Just to make it a bit clearer, the United States is still, to this day, a racist country where Freedom is more apparent than actually effective. I am speaking as an American and I accept it even from those who are not. 

In Italy, with fatique, I find it rare that anyone from the Entertainment world, would even consider certain battles, with only a few praiseworthy acceptions.

Let me give you an example: in Nemicamatissima, while I was speaking about "diversity", my colleague preferred to talk about how proud she was to be Italian. 

I believe that what counts is to commit yourself, even through intensive and constructive criticism, to make one's country even better, and, not to look around if there are countries that are better or worse. 

I can assure you that Italy, seen from abroad, is more off-base than what it appears to be by who actually lives there.

The topics that are dear to me, are those towards descrimination in general, legislative attention and respect from public opinion, which, by far, the majority of free and Democratic countries receive, although in Italy this does not exist. 

I am declaring this without hatred or hostility, but instead with a rage from within, as in when one sees a dancer with talent, virtue and potential who instead of engaging to better herself, she glares into the mirror, intolerant to any criticism. 

HPA 

 

13 Comments

  • nick | March 17th, 2017 ore 13:04

    Mai parole furon più vere.
    Heather hai tutto il mio pieno accordo, non lo si veda come una forma di adulazione ma come un'affinitá di menti!
    Grazie di avere sempre il coraggio di dire le cose come stanno, e grazie di non rientrare nei "canoni" imposti dalla società (italiana).

  • fiore | March 17th, 2017 ore 13:11

    Heather!

    .. .sono commossa , grazie per la risposta!

    Se ho frainteso mi scuso, seppur spesso sono molto d'accordo con te. Chissa', questa tua ulteriore precisazione messa in evidenza, forse puo' far riflettere qualche persona appartenente al mondo dello spettacolo in merito ai temi cosi delicati di cui l'Italia deve ancora confrontarsi. Alcuni piccoli passi sono stati fatti, le unioni civili per esempio, ma , e qui concordo molto, c'e' ancora molta strada da fare.

    Sono commossa veramente. .

  • roberta | March 17th, 2017 ore 13:57

    My dearest Heather, I am proud of you. Always. Io NON mi plasmo ad immagine e somiglianza di nessuno, ma, ho sempre trovato in te una perfetta cassa di risonanza.
    What else???

  • carlita22 | March 17th, 2017 ore 14:42

    Cara Heather siiiiiii hai fatto centro! sono proprio le parole che speravo dicessi, sono convinta del tuo amore per l'Italia al pari di noi Italiani, le critiche quando sono costruttive come le tue possono solo farci bene. Non smettere mai di osservarci con l'occhio critico ....io so che ci vuoi bene! Grazie

  • stefania | March 17th, 2017 ore 16:35

    Hai ragione Heather per crescere bisogna considerare ed accettare le critiche e non fermarsi mai ma adoperarsi per cambiare e migliorarsi....Grazie di cuore.

  • fiani | March 18th, 2017 ore 05:34

    Ma finalmente una donna che smuova un po' le acque qui in italia hanno tutti paura anche solo a parlare soprattutto di certi problemi seri che ci sono....brava heather !!!!

  • aisha | March 19th, 2017 ore 13:12

    Ciao Heather
    Su questo argomento sono totalmente d accordo con te parlo da Italo-somala quindi con cognizione di causa....L Italia era ed e' un paese razzista solo che prima si tenedeva a nasconderlo ora con l'avvento di alcuni politici che lo propagandano molto esplicitamente sono usciti fuori tutti come le lumache dopo un acquazzone!! La cosa più divertente vista da fuori e' che coloro che si professano nazionalisti e razzisti sono di un ignoranza spaventosa magari non sono mai usciti fuori dal loro quartiere e non sanno nulla delle persone che loro denigrano!! Faccio un piccolo esempio....L Italia e' uno dei pochi paesi al mondo dove non s impara una seconda lingua! Conoscono 2 lingue se non 3 anche nell' ultimo paesino dell'africa orientale e qui in Italia paese frequentato da milioni di turisti coloro (es.tassisti, polizia, barman, negozianti ristoratori) che per loro interesse dovrebbero conoscere quanto meno L inglese non sanno dire due parole!! Questo ti fa già capire L arroganza di un popolo che pensa solo a se stesso e quindi a non doversi relazionare mai con uno straniero! Kisses to kids, Umberto and u of course Aisha

  • fiore | March 20th, 2017 ore 10:42

    Forse le vecchie generazioni, ma oggi come oggi si impara l'inglese gia' dalle elementari.
    Che dire? La pensate tutte come Heather, se dite che siamo un popolo di razzisti, a parte il convidisibile pensiero su certa politica che fa del populismo razzista e becero solo per prender voti, mi arrendo! Io stessa aiuto due associazioni, non faccio altro che prestare quel poco di me, e non e' nulla al confronto di altri che dedicano molto tempo allo "straniero": famiglie in difficoltà', come ho già' detto mamme sole, anziani,anche per sgarbugliare i noti problemi con la burocrazia italiana, insegnare gratuitamente l'italiano, prestare il proprio sapere per le cure mediche etc . .

    Penso tuttavia che sia anche una questione di presunzione: io penso che tutti noi italiani, ma tutti, ci portiamo nel nostro DNA una certa arroganza , a volte mascherata dall'allegria , per le note qualita' che il nostro paese porta con se: Storia, cultura ( Italia e Grecia sono la culla della cultura mondiale), arte classica , arte moderna, letteratura, cibo, ma inteso come cultura della tavola, abbinamenti alimentari etc .. , il vino, il genio ( purtroppo oggi troppo esportato dai nostri giovani che, e li comprendo, preferiscono portare le loro qualità' all'estero), la magnificenza dell'Impero Romano, ricordiamo la raffinatezza anche delle vesti, quando i popoli del nord usavano ancora le pelli , la grande storia delle repubbliche marinare, e i grandi commerci con popoli asiatici, Venezia in primis, l'eleganza dei tessuti etc . .insomma .. .una grande civilta' e cultura che, forse, si considera ancora oggi migliore , sotto molti aspetti, rispetto ad altre Nazioni.

    Sarebbe come accusare una bellissima donna di essere vanitosa. . . .

  • redazione | March 21th, 2017 ore 01:56

    Fiore,
    mi dispiace deluderti anche questa volta !
    In base a quanto riportato dagli studi della EU, l'Italia e' all'ultimo posto per quanto riguarda il grado di buona conoscenza di una lingua straniera nei cittadini tra i 25 e i 64 anni!

  • watts | March 21th, 2017 ore 11:15

    Love each other more;-) Accept different opinions and feelings. This is also part being a tolerable. ;-)

  • fiore | March 21th, 2017 ore 12:01

    No, l'Italia e' al penultimo, dietro di noi la Francia.

  • giusibergamo | March 21th, 2017 ore 17:24

    L Italia bel Paese..ma vogliamo parlare degli italiani?...un popolo fermo e lo dico anch io con rammarico e dispiacere ...da svegliare e scuotere perche si lamentano tutti ma guai a rimboccarsi le maniche per cambiare questa mentalita' secolare e bisogna sgobbare per svecchiare tutto a partire dal lavoro e dai canoni sociali bloccati dalla politica cieca e sorda ..che ha paura di imporre delle regole che tutelino le persone oneste e di volonta'indipendentemente dal colore o dal credo..ho a casa mia figlia diplomata che vorrebbe partire da qua e non scappare da qua....e quando 20 anni fa dissi al mio datore di lavoro che ero incinta mi licenzio' ..derubandomi pure di parte della mia liquidazione anche se chiesi un aiuto legale....cosa cambia oggi?...non si vuole il successo ma una dignita' che possa smuovere anche le montagne...I Agree with you Heather kisses

  • michael | May 10th, 2017 ore 23:26

    Mai sentite tante banalità. Uk e USA sono più tolleranti con le critiche ? Beh cara Heather vivo in uk da qualche anno e non esiste popolo più becero ed ottuso che si sente al di sopra degli altri per diritto di nascita degli inglesi ! Gli italiani sarebbero italianocentrici??Io non capisco dove tu abbia vissuto per 20 anni. Non esiste un popolo più esterofilo degli italiani. Accettano tutto dall'estero senza remore e non rispettano o valorizzano quello che c'è di buono in Italia. Non c'è niente di male ad essere fieri di essere italiani, cara Heather. E questo vale anche per i tuoi fans che annuiscono estasiati a tutte le castronerie che scrivi. Buonanotte o buongiorno visto dove vivi ora

Post a comment

or to leave a comment.

Join the Community

Register

Blog News

Blind Maze

Archives

Search the blog

Follow us

Twitter You Tube Feed Rss